Qual è l’arteria ombelicale?

La placenta è un organo che si sviluppa nell’utero di una donna incinta e fornisce sangue, ossigeno e nutrizione al feto. La placenta è collegata al feto da un cordone ombelicale. All’interno del cordone sono due arterie e una vena: entrambe le arterie sono definite arterie ombelicali.

Le due arterie avvolgono la vena ombelicale che porta il sangue ossigeno e le sostanze nutritive dalla placenta al feto. Una volta utilizzati l’ossigeno e le sostanze nutritive, l’arteria ombelicale trasferisce il sangue deossigenato e il rifiuto dal feto verso la placenta. Questo sangue e il sangue impoverito passano poi attraverso la placenta e nel flusso sanguigno della madre, dove viene portato ai reni per lo smaltimento.

Queste arterie si estendono dal cavo nella bacino. Dopo la nascita, le arterie si restringono quando il cordone ombelicale viene tagliato e legato. All’interno del corpo, queste arterie diventano parte del legamento ombelicale mediale, un cordone fibroso che corre dall’ombelico al bacino e l’arteria vescicale superiore, che fornisce la vescica.

In un piccolo numero di casi, manca un’arteria ombelicale, di solito la sinistra, una condizione chiamata singola arteria ombelicale (SUA). La causa di questa anomalia è sconosciuta, ma si verifica più frequentemente quando il feto è femmina, è il doppio di probabilità di essere presente se la madre è caucasica piuttosto che qualsiasi altra razza, ed è più probabile che si verifichi con più nascite che con singole nascite. Un aumento della frequenza di aborto è associato con la SUA, anche se questo è probabilmente il risultato di altre anomalie. Mentre i neonati con SUA possono avere un peso di nascita inferiore, il feto è in grado di ricevere una nutrizione sufficiente per sostenerlo durante la gravidanza con una sola arteria.

Gli studi indicano che i bambini con SUA sono a maggior rischio per certi difetti di nascita. Questa anomalia può essere rilevata durante un ultrasuono prenatale, anche se normalmente non viene scoperto fino alla nascita. Se esiste un’indicazione prenatale di una singola arteria ombelicale, il medico può ordinare un ultrasuono Doppler, che è un metodo preferito per esaminare il sistema circolatorio fetale.

La maggioranza dei neonati con un’unica arteria ombelicale nasce senza difetti congeniti o cromosomici. Se i difetti sono presenti, tuttavia, possono verificarsi in un certo numero di sistemi. Possono essere presenti problemi scheletrici muscolari come una malformazione del tallone o delle vertebrali. Problemi possono essere trovati anche nei sistemi urinari, cardiovascolari, gastrointestinali e respiratori. Mentre alcune di queste anomalie possono essere gravi o fatali, altre sono minori, trattabili o auto-limitanti. La mancanza di una seconda arteria non significa necessariamente che il neonato avrà gravi complicazioni, ma la condizione indica il controllo fetale e un esame medico approfondito del neonato.