Qual è la relazione tra ansia e vertigini?

L’ansia e la vertigine sono correlati perché molte persone sperimentano una vertigini da lieve a vertigine come sintomo di ansia. Ciò può verificarsi nella sua forma più mite per ore o anche giorni, mentre vertigini più severi possono accompagnare un attacco di panico o ansia. La maggior parte delle volte questo sarà accompagnato da altri sintomi pure. Anche coloro che non si sentono ansiosi possono provare ansietà e vertigini, dato che i sentimenti ansiosi sono solo un sintomo.

Molti pazienti non si rendono conto che l’ansia e la vertigine sono correlati, e quelli che lo fanno non possono sapere che i sentimenti ansiosi non devono necessariamente presentarsi contemporaneamente ad altri sintomi. Si può sentire capogiri, soffocato, senza fiato o affaticato senza rendersi conto che soffre di ansia. Allo stesso modo, i sentimenti ansiosi possono verificarsi senza ulteriori sintomi.

A volte i pazienti non si rendono conto che soffrono di ansia perché la condizione è sempre stata presente e possono credere che la frequente paura, la preoccupazione o la depressione è normale. Altre volte, le reazioni di paura come la mancanza di respiro, il cuore pestando e la vertigine possono essere scatenati dal corpo senza sintomi emotivi. La maggior parte delle volte, i sintomi di ansia sono innescati da situazioni, pensieri o eventi specifici.

Ansietà e vertigini sono di solito associati ad un disturbo d’ansia, come l’ansia generalizzata, l’ansia sociale o qualsiasi numero di fobie. I farmaci e la consulenza sono i trattamenti più comuni. Anche se i sintomi non devono sempre verificarsi insieme, la maggior parte dei pazienti ha ansiosi sensazioni di almeno un po ‘di tempo, e spesso si verificano in combinazione con i sintomi fisici.

Poiché la vertigini e altre problematiche fisiche legate all’ansia spesso imitano altre condizioni sanitarie, è importante ottenere una diagnosi da un medico specializzato. Altri sintomi possono includere la mancanza di respiro, il ritmo cardiaco veloce, le palpitazioni, la bocca secca, la malinconia, la nausea e la sudorazione. A volte può verificarsi anche la tensi- tezza del petto e del dolore. Molti pazienti ritengono che stanno avendo un attacco di cuore durante un attacco di panico ei sintomi sono molto simili in natura.

Se l’ansia e la vertigine sono prolungati e non vi è alcuna causa nota, può esserci un disturbo sottostante. A volte anche lo stress cronico può causare questi sintomi, quindi se c’è una situazione stressante cronica, i pazienti dovrebbero rimuovere se stessi, se possibile. Se ciò non è possibile, come dopo la morte di una persona amata, la consulenza è una buona opzione per imparare le tecniche di coping. I farmaci possono aiutare a diminuire la gravità dei sintomi, ma non è una cura per la maggior parte dei pazienti quando viene utilizzato da solo.