Qual è il trattamento per una frattura di dito?

Il trattamento per una frattura di dito comporta tipicamente il riallineamento o la regolazione dell’osso e l’immobilizzazione con una stecca o un getto. Una frattura di dita o un dito rotto può durare fino a sei settimane per guarire, ma questo processo di recupero è tipicamente inopportuno e non complicato. Una frattura di dita è di solito causata da un forte impatto e i sintomi comprendono generalmente dolore, gonfiore, deformità e brividi.

L’allineamento e l’immobilizzazione della frattura della dita è importante, perché se questo processo è stato eseguito in modo errato, le ossa non si guariscono correttamente, causando rigidità, dolore e ridotta mobilità. Se si verifica una ferita di schiacciamento dell’osso, potrebbe non essere possibile semplicemente immobilizzare il dito. In questi casi può essere necessaria una chirurgia per inserire hardware che tratterà la rottura.

Il dolore è spesso una denuncia comune di una frattura delle dita. Prendendo un farmaco antinfiammatorio over-the-counter è generalmente utile per ridurre il dolore e il gonfiore. Se il dolore non risponde ai relievers del dolore non prescrizione, il medico può raccomandare analgesici di prescrizione.

Si può anche raccomandare una terapia fisica per trattare una frattura di dito. A volte, dopo la rimozione del getto, il dolore, la rigidità e l’immobilità persistono. Quando ciò si verifica, il medico può raccomandare un corso di terapia fisica o occupazionale per migliorare la funzione.

Occasionalmente, quando si verifica una frattura di un dito, l’unghia è anche ferita e molte volte il chiodo scolora e alla fine scende. Altre complicanze di un dito fratturato includono danni ai tessuti. Quando la frattura si verifica, la pelle può rompersi, creando un’opportunità per l’infezione. Quando ciò accade, è importante che la ferita venga lavata delicatamente con sapone e acqua per pulire la ferita.

Quando l’integrità della pelle è compromessa a seguito di una frattura di un dito, si potrebbero raccomandare antibiotici per prevenire un’infezione batterica. Inoltre, può essere raccomandato un rinforzo del tetano per evitare il tetano, una complicazione rara ma grave di una ferita aperta. La diagnosi di un dito fratturato o rotto è generalmente semplice con una radiografia del dito.

In genere, solo il dito colpito diventa scheggiato, tuttavia, alcuni fornitori di assistenza sanitaria scelgono di dividere le dita confinanti per rafforzare il supporto. La stecca è tipicamente usata per circa tre settimane e poi rimossa. A volte vengono eseguiti test diagnostici aggiuntivi come i raggi x per misurare la guarigione e monitorare l’hardware, se è stata eseguita una chirurgia. Se il periodo di recupero rimane complicato, in genere non è richiesto un trattamento aggiuntivo, a meno che i sintomi come dolore o gonfiore persistano.