Qual è la differenza tra fluoxetina e citalopram?

Fluoxetina e citalopram sono entrambi farmaci che vengono usati per trattare la depressione, insieme ad alcuni altri disturbi mentali. Sono entrambi classificati come inibitori selettivi di reuptake della serotonina (SSRIs), una classe di farmaci che aumenta i livelli di serotonina nel cervello. La serotonina è un prodotto chimico prodotto nel cervello che influenza l’umore e aumentando i suoi livelli può contribuire a ridurre i sintomi depressivi.

Nonostante le loro analogie chimiche, questi farmaci hanno diverse differenze importanti che influenzano quando e come vengono utilizzati. Gli studi hanno dimostrato che entrambi i farmaci sono altrettanto efficaci nella loro capacità di trattare la depressione. Citalopram inizia ad attenuare i sintomi della depressione un po ‘più rapidamente.

Un’altra importante differenza tra fluoxetina e citalopram si riferisce a quali disturbi sono usati per trattare diversamente dalla depressione. Il fluoxetina è talvolta combinato con un altro farmaco, olanzapina, per trattare il disturbo bipolare, ma il citalopram è di solito usato per questo scopo. Alcuni dei disturbi unici che il citalopram può essere usato per trattare includono disturbo dismorfo del corpo, ansia, dolore originario dei nervi e, occasionalmente, eiaculazione precoce.

Sia la fluoxetina che il citalopram sono differenti nelle loro strutture chimiche e rispondono in modo diverso alle proteine ​​del cervello. La poliglicoproteina (Pgp) è una proteina di trasporto utilizzata per rimuovere i composti dal cervello. Questa proteina può spostare citalopram dal cervello in alcuni individui, rendendo questa sostanza meno efficace per alcune persone. Pgp non influenza la fluoxetina, tuttavia, il che indica che questo farmaco sarebbe ancora utile anche nelle persone con questa forma alternativa di Pgp.

Gli effetti collaterali di fluoxetina e citalopram sono abbastanza comuni per tutti gli SSRI, e includono nausea, indigestione e mal di testa. Ci sono alcune lievi differenze in questi effetti collaterali basati su lievi differenze chimiche tra i farmaci. Il citalopram può influenzare i livelli di dopamina, un chimico neurotrasmettitore coinvolto nelle funzioni di umore e ricompensa. Questo effetto, il quale non presenta fluoxetina, significa che il citalopram può talvolta causare i pazienti ad avere una mancanza di emozione o diventare meno probabili per mostrare apertamente l’emozione.

Fluoxetina e citalopram differiscono per la loro metà vita, o il tempo che occorre per il corpo di elaborare metà di un farmaco dopo la presa. La metà della fluoxetina è di circa 4-6 giorni quando viene presa quotidianamente, ma la metà della vita di citalopram è solo 36 ore. Ciò può influire sul modo in cui i medici prendono i pazienti fuori di questi farmaci, poiché l’arresto brusco del trattamento SSRI può provocare effetti negativi e pericolosi. Un paziente che cerca di smettere di prendere il citalopram può essere trasferito da quel farmaco a fluoxetina da un medico prima, poiché la metà più lunga di quest’ultimo farmaco consente un cono più graduale, con meno effetti negativi.