Qual è il trattamento per la sepsi urinaria?

Il trattamento per la sepsi urinaria dipende dalla fase della malattia, che è una complicazione da un’infezione nel corpo. Diversi farmaci possono essere richiesti per trattare il problema presto e in modo aggressivo. Chiaramente il monitoraggio e l’intervento chirurgico possono essere necessari per casi più gravi di sepsi urinari. Trattare in anticipo aumenta la possibilità di sopravvivenza del paziente, mentre ignorando i sintomi può provocare shock settico o morte.

Alla diagnosi della sepsi urinaria, il medico prescrive al paziente alcuni tipi di farmaci che trattano l’infezione. Gli antibiotici ad ampio spettro vengono generalmente somministrati per via endovenosa per sbarazzarsi dei comuni tipi di batteri che causano malattie nel corpo. Il medico segue quindi ulteriori test del sangue per identificare la specifica fonte di batteri che sta causando la sepsi. Una volta che i risultati diventano disponibili, il paziente può passare a un nuovo antibiotico per la specifica fonte di infezione.

Se necessario, il medico può anche prescrivere altri farmaci per controllare la pressione sanguigna e i livelli di zucchero nel sangue. I vasopressori aiutano a trattare i pazienti di sepsi la cui pressione sanguigna scende a livelli pericolosamente bassi. Questi farmaci mantengono la pressione sanguigna sotto controllo con la compressione dei vasi sanguigni del corpo. L’insulina può anche essere prescritta per stabilizzare lo zucchero nel sangue mentre trattare la sepsi urinaria.

È necessario prestare attenzione anche ad altri sintomi associati all’infezione. Il medico può somministrare farmaci per impedire l’indebolimento del sistema immunitario. I corticosteroidi a basso dosaggio possono essere somministrati per trattare l’infiammazione, mentre i sedativi e gli antidolorifici aiutano a trattare il disagio dalla malattia.

La terapia a base di fluidi può anche essere in conservazione per i pazienti con un grave caso di sepsi urinaria. Durante il trattamento, i pazienti ricevono diverse quantità di liquidi per via endovenosa per prevenire ulteriori danni al corpo. I liquidi IV aiutano a proteggere gli organi vitali e regolano la pressione sanguigna in modo che il paziente non entri in urti. Secondo una risorsa medica, i tipi standard di liquidi IV usati per il trattamento della sepsi includono cristalloidi e colloidi. I cristalloidi sono costituiti da salina solubile in acqua che entra nel flusso sanguigno, mentre i colloidi sono fatti di una sostanza più spesso duro da dissolvere, come il sangue.

A seconda del paziente e della gravità della sepsi, altre terapie e procedure possono essere utilizzate per proteggere altre funzioni del corpo. Ad esempio, l’ossigeno da un ventilatore può aiutare il paziente a respirare facilmente. La dialisi renale può anche essere somministrata per aiutare i reni a filtrare le tossine dal sangue. In alcuni casi, può essere richiesto l’intervento chirurgico per rimuovere gli ascessi o il pus, oltre a rimuovere la fonte di infezione.