Cosa è urtica dioica?

Urtica dioica, conosciuta anche come ortica comune o pungente, è una pianta erbacea perenne, nativa in Europa e in Asia, e ampiamente naturalizzata in zone umide e squilibrate del Nord America. L’erba è meglio conosciuta per i piccoli peli che coprono le foglie e gli steli. Questi capelli contengono sostanze chimiche irritanti che producono una sensazione spiacevole di punta quando si tocca. Una volta essiccati o bolliti, però, l’ortica perde la punta e può essere manipolata in modo sicuro per l’uso in una varietà di rimedi erboristici e per scopi culinari.

Nettle è stato utilizzato per la produzione di stoffa, come fertilizzante da giardino a causa del suo elevato contenuto di azoto, e come alimento, ma l’impianto è più utilizzato come un rimedio di erbe. L’uso medicinale di Urtica dioica può essere risalito a migliaia di anni, in un momento in cui i guaritori praticavano urticazioni, o sconvolgevano gli arti paralizzati con fasci di ortiche stordite. Anche gli antichi Romani hanno usato questo rimedio per aumentare la virilità colpendo i reni e il tronco inferiore sotto l’ombelico. Oggi sappiamo che la stinga aumenta la circolazione quando viene applicata esternamente, anche se gli erboristi ei guaritori moderni raramente raccomandano questo doloroso trattamento.

Negli ultimi tempi, Urtica dioica ha diversi scopi, tra cui alcuni che sono sopravvissuti fin dall’antichità come il trattamento di tosse, tubercolosi, asma e perdita dei capelli. L’erba è anti-infiammatoria, e funziona particolarmente bene per il trattamento di orticaria, rash e altre reazioni allergiche della pelle. Si ritiene che aiutino a alleviare i sintomi della febbre da fieno, tra cui il naso che cola e la congestione nasale. La medicina popolare europea impone che l’ortica in bocca può migliorare la forfora e capelli eccessivamente grassi se applicata topically. La pianta inoltre aumenta la produzione di latte nelle madri che allattano, fornisce ferro ai pazienti di anemia e smette di danneggiare i cambiamenti dei tessuti causati da lupus.

Uno degli effetti più promettenti della ortica è il trattamento dell’ipertrofia prostatica benigna (BPH) o un allargamento non cancro della prostata. Gli estratti vegetali Urtica dioica fatti dalle radici delle erbe diminuiscono il tasso di divisione cellulare nella ghiandola prostatica e interferiscono con gli enzimi che promuovono la crescita cellulare nella prostata. Poiché la crescita cellulare è rallentata, c’è meno pressione sull’uretra, che permette che l’urina scorra più facilmente. Mentre l’ortica non può diminuire la dimensione attuale della prostata, può alleviare sintomi scomodi come il flusso urinario ridotto, la costante impulso ad urinare e lo svuotamento incompleto della vescica. Gli scienziati non sono ancora sicuri perché l’ortica riduce questi sintomi, ma alcuni teorizzano che sia perché la pianta contiene sostanze chimiche che direttamente influenzano il testosterone e altri ormoni.

Per scopi medicinali, Urtica dioica è disponibile in forma foglia secca, estratto, tintura o capsula. Il tè fatto dalla foglia secca è comunemente usato come un rimedio a base di erbe a casa per il trattamento di disturbi respiratori e come tonico generale di benessere. Estratti delle radici e delle foglie sono disponibili e le tinture sono tipicamente fatte dalle radici. I dosaggi variano a seconda della condizione da trattare e della salute attuale del paziente. Un professionista specializzato a base di erbe o medico può prescrivere un dosaggio sicuro di ortica.

Gli individui non dovrebbero tentare di auto-medicare utilizzando gli integratori Urtica dioica, specialmente quando la condizione è grave. Anche se generalmente considerato sicuro per il consumo, le donne in gravidanza o infermieristiche non devono assumere l’erba, in quanto possono contribuire all’aborto. In rari casi, consumare l’ortica in bocca può causare stomaco e ritenzione idratante.