Qual è il trattamento più comune per l’ernia ombelicale negli adulti?

Il trattamento più comune per l’ernia ombelicale negli adulti è riposo. Questi tipi di ernie si verificano in genere quando una parte dell’intestino si rigonfia attraverso la parete addominale vicino al pulsante della pancia, dove viene data la parte “ombelicale” del nome. Di solito è causato da deboli muscoli addominali, e la maggior parte del tempo gli intestini torneranno in posizione tutti per conto proprio. Per questo motivo, il resto è il trattamento più frequentemente raccomandato; i pazienti sono solitamente consapevoli di trascorrere la maggior parte di ogni giorno in tensione, evitando il ceppo e stare lontani da attività come esercizi faticosi, stretching e sollevamento che coinvolgono i muscoli addominali. Se ciò non funziona, i fornitori di assistenza sanitaria spesso prescrivono una serie di farmaci per accelerare il processo di riparazione del corpo. In casi estremi, l’intervento chirurgico può essere l’opzione migliore per il trattamento, anche se questo è di solito considerato come ultima risorsa.

Le ernie ombelicali sono di solito più comuni nei neonati sotto l’età di un anno, e in genere si verificano in questi casi quando l’apertura ombelicale non chiude correttamente dopo la nascita. Nel caso dei pazienti adulti, tuttavia, la causa è probabilmente una sorta di nuova debolezza muscolare addominale. Le persone che hanno attraversato la chirurgia addominale sono alcuni dei candidati più probabili, soprattutto se non sono stati guariti correttamente. Le donne che hanno subito diverse gravidanze in breve successione sono talvolta anche a rischio, così come quelle che sono obese. Il più grande fattore di causa è la pressione o il ceppo sui muscoli addominali che li indebolisce al punto che non possono più resistere agli intestini.

La forma più comune di trattamento per l’ernia ombelicale negli adulti è riposo. I pazienti sono solitamente incoraggiati a non sollevare, spingere o in altro modo spostare oggetti pesanti. “Riposo” in questo contesto è di solito abbastanza ampiamente compreso. Le persone di solito non si nascondono, ma sono solitamente incoraggiate a essere più consapevoli dei loro movimenti e per trascorrere più tempo a sedersi e reclinare e fare attività “ancora” o “tranquille”. Coloro che sono tenuti a eseguire pesanti sollecitazioni e caricamenti come parte del loro lavoro possono avere bisogno di un assegno o di un temporaneo trasferimento a un lavoro che comporta più seduta al fine di garantire il trattamento completo della condizione. A seconda della posizione, le persone in questa posizione possono a volte richiedere disabilità a breve termine o altre forme di assistenza durante la disoccupazione, anche se è necessaria la certificazione medica.

Il riposo da solo non è comunque sufficiente. I pazienti sono solitamente incoraggiati a entrare per i controlli regolari e se i fornitori di servizi sanitari sentono che la condizione non sta migliorando – o semplicemente che non sta migliorando abbastanza velocemente – spesso anche prescrivono farmaci per accelerare il processo lungo. Nella maggior parte dei casi, coloro che vengono somministrati farmaci da prescrizione saranno tenuti a prendere i farmaci per un periodo di tempo significativo, spesso mesi o anni alla volta. Ciò garantisce entrambi la guarigione e impedisce la ricorrenza.

Nessun farmaco viene fornito senza effetti collaterali e avvertimenti di interazione e i pazienti dovrebbero lavorare con il loro medico, infermiere o farmacista per assicurarsi che i farmaci non interferiscano con altri farmaci da prescrizione che possono assumere o attività come il fumo di cui si impegnano. , I pazienti possono avere bisogno di eliminare dalla loro dieta determinati alimenti e bevande, come pompelmo o succo di pompelmo, al fine di prevenire le interazioni farmacologiche.

I casi più gravi o ostinati a volte richiedono interventi chirurgici. Una volta eseguita correttamente, la chirurgia per riparare un’ernia ombelicale può rendere la parete addominale altrettanto forte quanto era prima dello sviluppo della condizione. Come la maggior parte degli interventi chirurgici, però, porta i rischi e spesso richiede molto tempo per guarire. Non è comunemente eseguito sugli anziani, i giovani, o quelli che possono essere attualmente affetti da un sistema immunitario debole. I pazienti che sono interessati alla riparazione chirurgica sono spesso chiamati a sottoporsi a consulenze mediche per assicurarsi che la chirurgia sia in realtà una valida opzione per loro e per essere sicuri di non avere fattori medici o di stile di vita che potrebbero compromettere la propria guarigione.